Ultimi articoli

29 settembre 2014

Windows 9 sarà Gratis per gli utenti di Windows 8

windows 9

Secondo quanto riportato sul sito indonesiano Detik, il CEO e presidente delegato di Microsoft in Indonesia, Andreas Diantoro, ha confermato che il nuovo sistema operativo Windows 9 sarà gratuito per tutti gli utenti che utilizzano Windows 8 e che quindi potranno effettuare il passaggio alla nuova versione senza dover pagare neanche un centesimo.

Non si tratta di una notizia incredibile o inaspettata, visto che già da tempo c'erano diverse voci circa la possibilità che Microsoft avrebbe offerto gratuitamente il nuovo sistema operativo a tutti gli utenti già in possesso di Windows 8, ma finora nessuno della società di Redmond aveva confermato questa decisione.

Per ora non si conosce ancora nulla circa i prezzi di Windows 9 per chi invece ha una versione precedente di Windows, ma secondo alcune indiscrezioni gli utenti di Windows XP potrebbero ricevere un'offerta speciale per aggiornare il sistema operativo.

A quanto pare gli utenti di Windows 8 potranno effettuare l'aggiornamento a Windows 9 in modo simile a come avviene per il sistema Mac OS X ormai da anni, ovvero scaricando l'aggiornamento dal sito Microsoft.
Admin | 29.9.14

28 settembre 2014

Non è vero che gli iPhone 6 si deformano cosi facilmente. Almeno secondo Consumer Reports

Non è stata una settimana facile per Apple, che ha dovuto affrontare un grave problema che sembra affliggere i suoi ultimi smartphone, infatti sono state fatte circolare sui social network delle foto che mostravano un iPhone 6 Plus che si è piegato dopo averlo messo nella tasca dei pantaloni, fatto che ha generato molte polemiche, al punto che è nato un hashtag chiamato #Bendgate, usato da società concorrenti e utenti per deridere questo difetto dei nuovi iPhone.

iphone 6 deformazione

Nonostante i video di blend test lo dimostrino, Apple ha fatto sapere che è estremamente raro che un iPhone possa piegarsi utilizzandolo normalmente, aggiungendo che sarebbero stati solo 9 i casi di deformazione registrati.

Quindi da una parte ci sono le testimonianze dei clienti che lo hanno acquistato e dei video a dimostrare che l'iPhone 6 si piega facilmente, dall'altra Apple che nega il difetto, quindi se siete tra gli utenti che dopo essere venuti a conoscenza di questo possibile difetto stanno avendo dubbi riguardo l'acquisto di un dispositivo cosi costoso che potrebbe facilmente deformarsi, allora oggi vogliamo rassicurarvi, ma purtroppo forse non togliervi completamente tutti i dubbi, proponendovi lo studio effettuato da Consumer Reports, un'organizzazione indipendente che fornisce test scientifici per proteggere i clienti in un mercato altamente competitivo e corrotto.
Gli americani hanno ampia fiducia nelle loro raccomandazioni, perchè in passato i loro studi si sono sempre rivelati veritieri.

Ma allora è vero o no che gli iPhone 6 si piegano?
I risultati mostrano che gli iPhone sono più forti di quello che qualcuno, ovvero coloro che hanno messo in giro questa voce che poi si è diffusa rapidamente su internet, vuole farci credere.

Gli ingegneri di consumerreports.org hanno effettuato le prove di resistenza utilizzando una macchina Instron, la stessa che Apple usa per i suoi test, effettuando un test di flessione con un metodo a tre punti.
Per convalidare gli errori statisticamente, sono stati testati anche altri smartphone, tra cui LG G3, Samsung Galaxy Note 3, HTC One (M8), e l'iPhone 5.
I risultati ottenuti garantiscono che tutti gli smartphone hanno dimostrato un'ottima resistenza e una consistenza abbastanza dura per resistere alle deformazioni.
E l'iPhone 6 Plus, il modello al centro delle polemiche, è risultato addirittura più resistente dell' iPhone 6 e dell'HTC One M8, quest'ultimo considerato uno degli smartphone più solidi.

L'iPhone 6 Plus ha iniziato a deformarsi dopo 41 chili di pressione, l'iPhone 6 a 31,7, mentre la separazione della scocca è avvenuta dopo una pressione di 50 chili, per l'iPhone 6 a 45,5 chili.

Quindi i nuovi iPhone 6 non si deformano cosi facilmente, ma dal test emerge anche che il precedente iPhone 5, stessi risultati dell' LG G 3, era migliore in quanto a resistenza: deformazione a 59 chili e rottura a 68 chili. Il Note 3 si è deformato e staccato a ben 68 chili, ma nel suo caso poi ha smesso di funzionare, al contrario degli altri che hanno continuato a funzionare anche dopo la rottura.

Ecco i risultati dei test di deformazione e rottura:

test deformazione iphone 6


Il test effettuato da Consumer Reports quindi è abbastanza rassicurante, anche se alcuni dubbi rimangono, visto che a parte l'HTC One, gli altri smartphone hanno ottenuto punteggi più alti, e rimangono sempre video come quello di seguito che potrebbero essere solo un caso ma sono abbastanza eloquenti:

Personalmente se dovessi acquistare un iPhone 6, ma non credo di essere interessato a farlo, aspetterei di conoscere altre opinioni dagli utenti che lo hanno già acquistato per verificare se si tratta di un problema reale o di un'esagerazione!.
Redazione | 28.9.14

27 settembre 2014

Come collegarsi a una rete WiFi pubblica in tutta Sicurezza

Se siete in viaggio, lontano da casa o non avete una connessione dati e volete sfruttare la comodità di avere un accesso a internet gratuito, allora oggi vi diciamo come proteggervi quando vi collegate ad una rete WiFi pubblica, per evitare quindi di lasciare che i vostri dati siano alla mercé di chiunque.

collegarsi a reti wifi aperte in modo sicuro

Noi tutti siamo le reti WiFi gratuite, ma prima di connettersi a una rete pubblica aperta dovete sapere che quando si accede alla rete tramite una connessione wireless non si ha la minima sicurezza ed i vostri dati potrebbero essere captati da utenti malintenzionati. Se ci si collega a una rete aperta che non richiede una password, o ad una rete Wifi della quale qualcuno ci ha fornito una password come ad esempio alberghi, ristoranti o aeroporti, si deve essere consapevoli che chiunque altro che è connesso alla stessa rete può accedere alle vostre informazioni personali.

Se ci si connette utilizzando un computer, un tablet o smartphone, ci sono diversi passaggi che possono aiutare a proteggersi quando ci si connette a una rete WiFi pubblica:

Verificare il nome della rete

Quando ci si connette ad una rete, è importante verificare il nome di essa, se ad esempio compare una rete WiFi aperta che non richiede nessun tipo di autenticazione il cui nome non suona familiare, allora è meglio evitarla. Ad esempio se siete in un hotel, bar, centro commerciale, ecc, è bene collegarsi alla rete che ha il nome della struttura. Se la rete è protetta da password e fornisce l'accesso solo ai suoi clienti, allora molto meglio.

Cercate quindi di non connettervi a reti con nomi del tipo "Internet gratis", "Wifi free",ecc... perchè potrebbero essere reti "esca" create da degli hacker per intercettare le informazioni di utenti ignari.

Disattivare le opzioni per la condivisione dei file in rete

 A casa e al lavoro probabilmente siete abituati a collegarvi in rete con altri computer, questo permette ad altri di vedere il nome del vostro PC nella lista dei dispositivi collegati e permette anche di accedere ai file memorizzati nella cartella pubblica o addirittura all'intero disco rigido, a seconda delle opzioni selezionate.
Se si utilizza Windows basta andare a Pannello di controllo> Rete e Internet> Centro connessioni di rete e condivisione e da lì è possibile impostare tutto quello che ha a che fare con la condivisione di file su reti pubbliche.

Quando ci si connette per la prima volta ad una nuova rete da Windows, il sistema operativo chiede se si tratta di una connessione pubblica o se siete a casa o al lavoro, quindi bisogna fare molta attenzione nel selezionare questa opzione, perché se si contrassegna una rete aperta come se fosse la rete della vostra casa, allora le opzioni predefinite attiveranno la condivisione dei file in rete e il vostro computer sarà visibile a chiunque è connesso a tale rete.

Chi usa Apple OS X può andare in Preferenze di Sistema e fare clic sull'icona per la condivisione e da lì è possibile deselezionare la condivisione di file.

Abilitare l'autenticazione in due fasi

Uno dei modi più semplici per proteggere tutti i propri account online è l'attivazione della verifica in due passaggi che ormai la maggior parte dei siti offrono. Questo metodo offre una doppia barriera di protezione contro qualsiasi attacco, infatti anche se qualcuno riesce a rubare la vostra password, sarà comunque necessario superare il secondo passo di autorizzazione, solitamente tramite verifica telefonica o sms, per accedere all'account. Sempre più servizi offrono questo tipo di funzionalità per la sicurezza, e anche se può risultare un po' fastidioso in alcuni casi, vale la pena utilizzarla per mantenere al sicuro i propri account.

Usare HTTPS

Fortunatamente per il web, il prossimo standard di questo protocollo: HTTP 2.0, forzerà l'utilizzo di connessioni sicure tramite SSL per impostazione predefinita. Ma per ora, non tutti i siti web utilizzano l'HTTPS. Se nella barra degli indirizzi del browser non si vede un lucchetto che indica che è stata stabilita una connessione sicura, allora si dovrebbe forzarne l'utilizzo. Usando l'estensione HTTPS Everywhere potrete navigare su Internet in modo sicuro mediante la crittografia della maggior parte delle informazioni che trasmettete sul web. È possibile installarla su Firefox, Google Chrome, Opera e Firefox per Android.

Usare una VPN

Quando si utilizza una VPN praticamente si crea una rete privata virtuale che mantiene al sicuro tutto il traffico. Quando si naviga utilizzando una VPN, tutti i dati che si inviano e si ricevono vengono crittografati nel passaggio tra il server VPN e il dispositivo. Uno dei miei servizi preferiti è Spotflux ed è disponibile per Windows, Mac, iOS e Android ad un prezzo molto conveniente ed ha anche una versione gratuita che offre protezione per il traffico web, che è possibile installarla anche su Google Chrome.

Usare il buon senso

Non eseguire operazioni bancarie online da reti aperte, meglio aspettare di tornare a casa o utilizzare la connessione dati. Cercare per quanto possibile di non condividere informazioni sensibili quando si è connessi a una rete WiFi pubblica. Meglio evitare di impostare la connessione automatica quando il dispositivo rileva una rete pubblica perchè altrimenti il dispositivo si connetterà a qualsiasi rete aperta senza darvi il tempo di adottare misure preventive, oppure almeno eliminare periodicamente dall'elenco delle reti WiFi rilevate tutte quelle che non vi sembrano sicure.


Spero che questi consigli per proteggervi quando si utilizzano reti pubbliche possano aiutarvi ad usare reti WiFi aperte in modo sicuro!.
Admin | 27.9.14

I Siti web registrati hanno superato 1 Miliardo di unità!

Questo mese è stata raggiunta e superata l'incredibile cifra di 1 miliardo di siti web registrati, un numero davvero impressionante ed in continua crescita, anche se c'è da precisare che naturalmente la maggior parte di essi non sono utilizzati, infatti alcuni di questi domini sono stati acquistati e poi messi in vendita o altri sono in attesa di essere sviluppati.

La società Netcraft ha verificato periodicamente l'andamento delle registrazioni di nuovi domini in tutto il mondo. Il dominio è l'indirizzo di un sito web, come ad esempio gekissimo.net, quindi quando si parla di un dominio registrato significa che è stato acquistato il nome del sito, ma non significa necessariamente che poi sono stati veramente utilizzati.

Nel rapporto relativo a questo mese, settembre 2014, Netcraf ha affermato che al momento sono 1.022.954.603 i domini registrati in tutto il mondo. Il primo di tutti è stato registrato nel 1991, ma Netcraft ha iniziato la misurazione dei domini registrati solo nel 1995, quando erano 18.957 i siti registrati. Il primo milione è stato raggiunto nel 1997.

Netcraf specifica che anche se ci sono oltre un miliardo di domini registrati, il 75% di loro sono inattivi, mentre i siti web attivi sono solo 178 milioni.

Vi lascio con l'immagine che mostra l'andamento delle registrazioni dei domini dal 1995 ad oggi:

numero domini registrati

Admin | 27.9.14

La Cina vieta l'uso di dispositivi Samsung ai dipendenti statali

samsung cina

La Cina ha dichiarato che nessun funzionario statale appartenente alle agenzie governative può utilizzare i dispositivi Samsung, una decisione che mira a garantire la sicurezza del Paese che altrimenti potrebbe essere compromessa da questi dispositivi del marchio sud-coreano in quanto potrebbero essere usati come "spie" da altre nazioni, e i cinesi accusano direttamente gli Stati Uniti.

Questa decisione non è certo nuova, dal momento che la Cina ha già vietato l'uso di vari prodotti di origine americana come l'iPhone e Windows 8, e quindi è chiaro che il governo cinese è ancora preoccupato per lo spionaggio da parte degli Stati Uniti, che è venuto alla luce dopo le vicende Wikileaks e Edward Snowden.

Da ora in poi il marchio ufficiale utilizzato dai dipendenti statali cinesi sarà Huawei, che quindi vedrà incrementare, anche se non in modo significativo la propria quota di mercato, ma di certo questa misura non rappresenterà una minaccia per Samsung che nonostante questo non perderà la leadership a livello mondiale in termini di vendite, almeno a breve termine.
Admin | 27.9.14

26 settembre 2014

#Bendgate: Le Critiche più Divertenti all'iPhone 6 che si piega

iphone 6 si piega immagini divertenti

L'iPhone 6 è stato sulla bocca di tutti sin dal giorno del suo lancio avvenuto il 17 settembre, quando Apple ha lanciato i suoi nuovi dispositivi iPhone 6 e iPhone 6 Plus, dotati rispettivamente di uno schermo da 4,7 e 5,5 pollici, ma con una spessore di poco più di 7 mm.

Questo splendido design sottile può essere però la colpa di un fenomeno che è diventato subito virale ed è stato chiamato #bendgate, perché alcuni utenti hanno segnalato che il loro iPhone 6 Plus si è piegato dopo averlo infilato nella tasca dei pantaloni, quindi durante un uso apparentemente normale.

Questo difetto dell'attesissimo e desideratissimo nuovo iPhone ha scatenato l'ironia da parte di molte aziende rivali che hanno iniziato a prendere in giro questo fenomeno sui social network e tramite immagini divertenti.

Di seguito condividiamo alcune dei migliori tweet di aziende concorrenti che hanno approfittato di questo problema per promuovere i loro prodotti che al contrario dell'iPhone 6 non si piegano:













Redazione | 26.9.14